Località della Processione (Cagliari e provincia)

Da Cagliari alla spiaggia di Nora e ritorno per la Processione di Sant'Efisio

Ogni 1° maggio la statua del Santo, accompagnata dal corteo composto dai cavalieri, dalle autorità e dai gruppi folcloristici, ripercorre il tragitto che partendo dalla chiesa di Sant’Efisio a CAGLIARI, costruita sopra quello che tradizionalmente viene considerato il carcere in cui venne imprigionato il santo, arriva fino al luogo del martirio, a Nora, per poi ripercorrere a ritroso il tragitto, tornando alla Chiesa di Stampace il 4 maggio, entro la mezzanotte. 

Una volta lasciata la città di Cagliari, il cocchio arriva a GIORGINO, borgata, nata nel corso della seconda guerra mondiale come villaggio di pescatori, costituita da pochi edifici, dove vivono oggi circa un centinaio di persone: qui il santo viene spogliato dei gioielli e gli vengono sostituite le vesti con altre più semplici. La statua viene poi trasferita nel cocchio, cosiddetto "di campagna".

Da Giorgino, si prosegue fino a LA MADDALENA, luogo in cui il santo incontra i fedeli provenienti dalla vicina CAPOTERRA. Il cocchio arriva poi a VILLA D'ORR, dove viene officiata la benedizione eucaristica, per poi proseguire fino a SARROCH. Qui la statua viene trasferita nella chiesa di Santa Vittoria, dove viene celebrata la messa e avviene il pernottamento. Il giorno successivo il corteo riparte alla volta di VILLA SAN PIETRO, per terminare il percorso a PULA. Qui viene celebrata una messa nella chiesa di San Giovanni Battista, poi il cocchio arriva verso le 21.00 a NORA

Per tutto il 3 maggio avviene la commemorazione del santo che intorno alle ore 18 viene portato in processione tra le rovine di Nora. Il 4 Maggio il corteo riparte da Pula in direzione di Cagliari, per terminare nella chiesa di Stampace si celebra il rito religioso in latino e "goccius" in onore del Santo.

Vuoi lasciare un commento?

Compila i campi per lasciare un commento. Il commento verrà pubblicato dopo l’approvazione del moderatore.